Buone Pratiche

Per  buone pratiche, in questo contesto, intendiamo prodotti che hanno permesso di ottenere i migliori risultati relativamente a svariati contesti e obiettivi anche in questa situazione di emergenza e di attuazione della DAD.

Le migliori prassi, quindi, possono essere definite come raccolta di esempi, procedure, esperienze che stimolano all’emulazione, spingono al valore del prodotto inteso come iniziativa positiva e propositiva.

Il carattere creativo e innovativo, ma anche di valorizzazione delle competenze e delle abilità, è lo spirito che spinge verso l’apprendimento anche in situazioni di disagio o di estrema approssimazione in cui a volte ci si trova.

Una buona pratica racchiude in sé un insieme di valori che non sempre possono essere racchiusi in un semplice elenco: è il loro effetto, l’emozione che suscitano e lo stimolo che veicolano che attribuisce il significato di buona pratica!

Le buone pratiche sono utili da condividere e divulgare perché rappresentano un riferimento per trarre spunto ed innescare sviluppi innovativi  alle proprie iniziative.

Le buone pratiche realizzate dai vari Istituti, sono state suddivise per ordine di  Scuola:

Torna su